Rav A. Arbib – Vayikrà 36 – Emòr – Il nome di Dio

Indirizzo Lezione: https://www.youtube.com/watch?v=RmR9iDgyiB4
Da: Rabbinato Milano

Milano 22.1.2020
Il divieto relativo alla profanazione del Nome e, viceversa, l’obbligo della Santificazione cerniera tra i capitoli dedicati alla santificazione e quelli riferiti alla santità del tempo. La differenza tra l’essenza di Dio ed il Suo nome, già presente a livello linguistico nel brano di Amalek, alla base di un nostro possibile intervento in merito alla Sua percezione, alla testimonianza della Sua esistenza (R. Shimon Bar Yochai) e dello sforzo umano di innalzamento del creato (R. Haim di Volojin). Il kiddush Hashem: essere disposti a sacrificare noi stessi per Dio, la Torà ed il Popolo d’Israele (Rashì), far percepire il Suo nome dagli altri attraverso l’ammirazione del nostro comportamento (Massechet Yomà) ispirato alle mizvoth o trasgredendo quest’ultime per salvare una vita. I casi in cui non si possono trasgredire anche in presenza di minacce di morte e quelli dove permesso, tenendo conto della motivazione dell’impositore e delle conseguenza del nostro gesto. L’importanza della salvaguardia della vita nell’ebraismo ed il suo sacrificio come testimonianza dell’amore verso Dio. Riassunto V. Mizrahi

Registrazione E. Fuchs

VIAJIM TV
SOURCERav A. Arbib - Vayikra 36 Il nome di Dio

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here