Rav A. Arbib – La morte e i rimpianti di rabbì Eliezer

    Milano 24.7.2018 – TB Sanhedrin 68a
    Lezione conclusiva del ciclo “I racconti del Talmud”
    La Scuola di Yavnè, la figura di Rav Eliezer, sapiente per antonomasia, la sua malattia e la visita dei suoi discepoli. Il suo disappunto per il loro comportamento, espresso dal movimento delle sue braccia e dalla metafora sulla scarsa profondità del loro apprendimento conseguente alla discussione tra la takanat chakhamim sui tefillin e le regole della Torà relativamente allo shabbat. La criticità nella trasmissione della tradizione esplicitata da una sua domanda particolare ai suoi allievi, l’interdipendenza specifica tra chi riceve e chi trasmette e lo sforzo delle generazioni tese a fare di tutto, affinché nulla venga perso, ben espresso dal rimpianto di Ben Azai per on aver mai studiato con Rabbì Yishmael. Riassunto V. Mizrahi
    Registrazione D. Piazza

    VIAJIM TV
    FONTERav A. Arbib - La morte e i rimpianti di rabbì Eliezer

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui